Monthly Archives: May 2011

Starting points on saturday

IMPORTANTE: se dovete fare delle riparazioni sulla vostra bici presentatevi in ciclofficina almeno un’ora prima degli orari indicati. Non tutte le ciclofficine saranno aperte prima della ciemmona, quindi informatevi.
Si raccomanda puntualità.

Roma est:
Partenza dalla Ciclofficina Luigi Masetti alle 14:00, poi
incontro alla ciclofficina Donchisciotte alle 14:30 e poi partenza verso il parco Schuster.

Roma Sud:
Piazza De Andrè (Magliana), ore 15.15.
Stazione Quattro Venti (Monteverde), ore 15.15.
Ponte Marconi, ore 15.40.

Roma Centro:
Piazza Madonna ai Monti ore 15:00.

Immagine di Incase sotto questa licenza CC

Domani ciclopicnic al Pincio

 

La Ciclopicnic Entertainment è un libero incontro di persone, bici, cibi, idee, nasce nell’estate del 2006 con il proposito di “alimentare” uno spazio sociale pubblico intorno alla bicicletta, un luogo sensibile al dialogo e alla creatività, aperto alle differenze, propositivo di stili di vita sostenibili, responsabile nel divertimento e più in generale nel tempo libero.
Il Ciclopicnic prende spunto dall’esperienza romana della Critical Mass e dell’appuntamento interplanetario della Ciemmona, rivendicando la libertà e la responsabilità di:
esprimere – anche grazie alla bici – un modo diverso di vivere la città e le terre di mezzo;
riaffermando il naturale istinto degli esseri umani all’aggregazione spontanea e non mediata incontrarsi al di fuori delle logiche commerciali, orientate a mercificare spazi e relazioni e a sfruttare indiscriminatamente uomini e risorse;
fruire degli spazi pubblici riconquistandoli alla socialità, contro l’invasione delle macchine e degli stili dominanti riscoprire la tradizione del convivio esaltando l’esperienza del mangiare insieme, a condividere ritmi, ricette e sapori.

ogni mercoledì al Pincio, dalle 20.30 in poi
Presentate e condividete cibi e bevande interplanetari
(sono graditi tovaglie, posate, bicchieri, piatti lavabili)

Starting from Roma Sud

Per chi viene da Roma Sud e dintorni e vuole pedalare in compagnia già dalla Magliana o da Monteverde.

VENERDì 27 MAGGIO 2011, ORE 18.00, COLOSSEO
Piazza De Andrè (Magliana), ore 17.15
Stazione Quattro Venti (Monteverde), ore 17.15
Stazione Trastevere, ore 17.20
Piramide, ore 17.40

SABATO 28 MAGGIO 2011, ORE 16.00, PARCO SCHUSTER (giardini Basilica San Paolo)
Piazza De Andrè (Magliana), ore 15.15
Stazione Quattro Venti (Monteverde), ore 15.15
Ponte Marconi, ore 15.40

DOMENICA 29 MAGGIO 2011, ORE 12.00, COLLE OPPIO
Piazza De Andrè (Magliana), ore 11.15
Stazione Quattro Venti (Monteverde), ore 11.15
Stazione Trastevere, ore 11.20
Piramide, ore 11.40

12 e 13 giugno votiamo sì

Ciemmona, 27, 28 e 28 maggio: pedaliamo per cambiare le nostre città.
Votiamo sì per l’acqua pubblica e contro il nucleare.

Pedalare e camminare sono il nostro modo di vivere il territorio, che ci vede presenti in carne, ossa, scarpe e copertoni per ricordare a tutti che le città dovrebbero essere fatte da e per chi le abita e che le automobili consumano e inquinano spazio pubblico urbano, terra ed aria. Pedalando rivendichiamo città sicure e vivibili in cui possano tornare a riallacciarsi relazioni umane anziché ingorghi; città più salubri e più cordiali, dove i loro abitanti non sono condannati ad una vita costellata di incidenti automobilistici e malattie respiratorie.

Non c’è solo questo: quest’anno invitiamo i movimenti per l’acqua pubblica e contro il nucleare a pedalare al nostro fianco perché siamo parte della stessa battaglia per i beni comuni. Lottiamo per la riappropriazione dello spazio pubblico e appoggiamo nella stessa ottica le battaglie per la ripubblicizzazione dell’acqua e di opposizione al nucleare.

Le giornate della Ciemmona sono per noi un unico ed inscindibile percorso di lotta e anche quest’anno saremo a Roma con le nostre biciclette in-festanti per ricordare a noi stessi che non basta pedalare su due ruote per liberare la nostra vita, che la festa è tale quando rappresenta anche un momento di lotta per evitare la catastrofe a cui l’umanità sta andando incontro, per dire all’amministrazione che non può continuare a fare scelte che favoriscono le auto rispetto alle persone e che non deleghiamo nessuno sulle questioni dell’acqua e del nucleare.

Il 12 e 13 giugno
Votiamo sì per l’acqua pubblica e contro il nucleare.

Comunicato stampa 2011 (versione lunga)

:::::COMUNICATO STAMPA
CRITICAL MASS INTERPLANETARIA 2011. Ottava edizione
“Unisciti allo sciame di ciclisti in-festanti”!
Torna anche quest’anno la Ciemmona, la grande Critical Mass, che vedrà pedalare sulle strade di Roma migliaia di ciclisti provenienti da tutto il mondo.
Tre gli appuntamenti: venerdì 27 maggio, ore 18, al Colosseo per la Critical Mass; sabato 28 maggio, ore 16 a Parco Schuster (San Paolo), da dove partirà la Ciemmona, e domenica 29 maggio ore 12 al Parco di Traiano per la scampagnata finale.

Critical Mass è nata fra i ciclisti di San Francisco nel 1992 al grido di “Noi siamo il traffico”. Oggi questo evento si svolge mensilmente in più di 500 città del pianeta. Da qualche anno, a Roma si celebra il ciclismo critico interplanetario con questa grande festa.
Critical Mass realizza dal basso ciò che non esiste più nelle nostre città: una strada sicura e silenziosa per camminare, giocare, pedalare; una strada dove pensare, parlare, incontrarsi, in un ambiente comune in cui respirare e crescere.

Riconquistare le metropoli pedalando? Sì, perché è evidente che è dalla città e dai nostri stili di vita che dobbiamo ricominciare. L’illusione che il ben-essere si raggiunga attraverso il ben-avere ha condotto a scelte a dir poco miopi dal punto di vista della sostenibilità. Il risultato è la saturazione catastrofica delle strade, con automobili e scooter sempre più grandi e rumorosi, che divorano sempre più spazio ed energia, che causano incidenti mortali quotidiani, spesso a danno di pedoni e ciclisti.

La bicicletta è leggera, veloce, economica, si ripara facilmente, non inquina, non fa rumore, non ingombra e ha bisogno di un piatto di pastasciutta per muoversi. Pedalando si recuperano relazioni, libertà e gioia del movimento, tempo libero. Si riconquista così l’autonomia e lo spazio che l’automobile ha fagocitato. Inizia sulla bici la liberazione dai costi sociali ed economici provocati dal traffico e dall’inquinamento.

Critical Mass non è una manifestazione. È arte vissuta, celebrazione dell’umano, coniugazione positiva tra disobbedienza civile e festa, azione diretta e sovversiva contro i trasporti privati motorizzati che insanguinano le nostre strade, inquinano la nostra aria e le nostre relazioni sociali, impoveriscono le persone e scatenano le guerre per il petrolio. Critical Mass rivendica l’uso ciclistico delle strade come atto rivoluzionario e necessario, una riappropriazione della strada come spazio sociale e ribellione al neoliberismo.

Sostieni il ciclismo urbano, pedala!

 

:::PRENDI, DIFFONDI E ATTACCHINA

Flyers e Manifesti c/o qualsiasi CiclOfficina Popolare di Roma.

L’elenco completo qui.

:::LOGISTICA

Campeggio Libero c/o CSOA ExSnia Viscosa

con CiclOfficina annessa e cucina in loco da mercoledì 25 maggio 2011 info e prenotazioni > accomodation@ciemmona.org

Manifesto

foto di santa graziella by jorgevr Immagine di jorgevr sotto questa licenza CC.

Ciemmona o Critical Mass Intergalattica: ciclisti terrestri e ciclisti provenienti dalle galassie e dai pianeti più lontani si preparano all’annuale pacifica invasione della capitale. Si partirà alle 16:00 dai giardini del Parco Schuster (San Paolo) per andare in giro nel nome del pedale, dell’uso critico e del caso per la città eterna. Sarà una festa e sarà protesta, sarà rivendicazione e riappropriazione, per Roma e per tutte le galassie dell’universo. Se siete in possesso di campanelli o fischietti siete fortemente invitati a portarli e a farne largo uso. L’abbigliamento stravagante o particolarmente colorato sarà gradito. Il sorriso d’obbligo. Pedaleremo insieme alla riconquista della città e dell’universo. Riconquistare le città? Sì, perché le città, che crescono a dismisura in tutto il mondo, sono organismi viventi soggetti a un metabolismo caratterizzato da quantità in ingresso, materie prime, alimenti, beni materiali, oggetti di consumo, materiali da costruzione, e da quantità in uscita, prodotti lavorati, e rifiuti. Di queste quantità però non viene fatto un uso critico finalizzato al benessere delle persone ma invece suolo, energia, aria, acqua e oggetti in genere vengono consumati a velocità sempre maggiori per soddisfare i bisogni strutturali dell’economia capitalistica. In questo modo si sta regredendo alle forme di sfruttamento delle origini, distruggendo la ricchezza delle relazioni sociali e dell’ecosistema tutto. Alla grande abbuffata del consumismo, grandi e piccoli trascurano la propria vita per diventare vere e proprie discariche per tutti i prodotti che il marketing riesce a rifilar loro, e che ormai sono innumerevoli anche per chi ha meno soldi. Un consumo che porta poi inesorabilmente al degrado ambientale, di cui ormai tutti siamo consapevoli, caratterizzato da cementificazione, congestione del traffico, inquinamento atmosferico, della terra e delle falde acquifere, proliferazione di rifiuti, ecc. Il pizzico di buon senso sufficiente per capire i danni del capitalismo, gli strumenti teorici per capire come contenere i deliri di un’economia vampiresca, e le conoscenze pratiche utili per autoprodursi una vita decente, sono perseguitati e cacciati da tutte le scuole, dove un incasellamento ossessivo esalta solo il lavoro intellettuale, perché domini barbaramente e sempre quello manuale e il suo potere di fare la realtà. La follia del potere oggi ruba l’acqua, piazza cariche nucleari, fa guerra anche in Libia: come possiamo aspettarci una soluzione ai problemi da ciò che continua a generarli? In questa cornice è evidente che è dalla città, da noi stessi e dai nostri stili di vita che dobbiamo ricominciare. Riuso, riciclo, autoproduzione e ogni comportamento che trasformi il consumo in uso critico delle risorse andrebbero incentivati. Il concetto di “giusta misura” ci dovrà guidare nei nostri atteggiamenti e stili di vita. Il motto “vivere meglio con meno” dovrà diffondersi e potrà aiutarci a contrastare comportamenti che ci portano a riempire le nostre case di oggetti spesso inutili o superflui erroneamente convinti che il ben-essere si raggiunga attraverso un illusorio bene-avere. È questa stessa convinzione, insieme alle scelte suicide delle amministrazioni, che ci fa riversare nelle strade automobili e scooter sempre più grandi e rumorosi, che hanno bisogno di sempre più spazio e che consumano sempre più energia coerentemente col modello di sviluppo neoliberista. La bicicletta è l’esatto opposto di quanto ci viene proposto ed è un mezzo che può permetterci di restituire valore ai concetti di filiera corta, relazioni più chiare, oneste e rispettose, una vita con più tempo per le relazioni interpersonali e meno ansie per il lavoro e l’accumulo di beni. È leggera, veloce, economica, di facile riparazione e manutenzione, non inquina, non fa rumore, ha bisogno di un piatto di pastasciutta per muoversi e di uno spazio quasi nullo per essere parcheggiata. Conviene perché permette di recuperare le relazioni, la libertà di movimento, il tempo libero, l’autonomia, lo spazio, l’energia di cui l’automobile si è ormai appropriata distruggendole e di liberarci dei costi sociali ed economici provocati dal traffico di queste. Nel 1992 a San Francisco nasce Critical Mass, una coincidenza disorganizzata tra individui, biciclette e città che una volta al mese rivendica le strade come luogo comune e pubblico. In questo spazio temporaneamente autonomo e vagante può prendere corpo e voce la libertà negata, il bisogno di contatto e solidarietà tra umani e non tra macchine. Oggi, in più di 500 città nel mondo, Critical Mass realizza dal basso ciò che non esiste più nelle nostre città: la strada sicura e silenziosa per camminare; la strada dove pensare, parlare, incontrarsi; la strada come luogo in cui i bambini possono tornare a giocare e ad essere liberi; la città come ambiente comune in cui respirare e crescere. Dimostra che con piccoli cambiamenti personali, come l’uso quotidiano della bicicletta, si può mutare la qualità della vita di tutti e rendere più vivibili le nostre città: la bicicletta libera le città dallo smog, dal traffico, dal rumore, è un attività fisica e quindi produce endorfine, che fanno bene al corpo e all’umore, è economica e quindi democratica, ecosostenibile ed estranea ai meccanismi che producono guerre e sfruttamento. Critical Mass non è una manifestazione, è arte vissuta, celebrazione dell’umano, coniugazione positiva tra disobbedienza civile e festa, azione diretta e sovversiva contro i trasporti privati motorizzati che insanguinano le nostre strade e inquinano la nostra aria e le nostre relazioni sociali. Critical mass rivendica l’uso delle strade da parte delle biciclette come atto rivoluzionario e necessario, come riappropriazione della strada come spazio sociale e come ribellione al neoliberismo.

Comunicato stampa 2011

CRITICAL MASS INTERPLANETARIA 2011. Ottava edizione
“Unisciti allo sciame di ciclisti in-festanti”!

COMUNICATO STAMPA
Versione breve
La Critical Mass, nata fra i ciclisti urbani di San Francisco nel 1992
al grido di “Noi siamo il traffico”, è arrivata a Roma nel 2003.
Da allora anche qui l’ultimo venerdì di ogni mese un assembramento
casuale di biciclette si impone all’attenzione delle macchine di Roma
– la città europea con più automobili – reclamando le proprie qualità
di mezzo di trasporto ecologico e salutare. La Ciemmona, nata per festeggiare il compleanno della Critical Mass di Roma, dal 2004 ha sempre registrato migliaia di partecipanti. Completamente ignorati dai media, anche quest’anno in tantissimi inforcheremo la nostra bicicletta reclamando il diritto ad abitare una città a misura di persone, e non di macchine.

Sostieni il ciclismo urbano, pedala!
:::PRENDI, DIFFONDI E ATTACCHINA

Flyers e Manifesti c/o qualsiasi CiclOfficina Popolare di Roma.
L’elenco completo qui.

:::LOGISTICA

Campeggio Libero c/o CSOA ExSnia Viscosa
con CiclOfficina annessa e cucina in loco da mercoledì 25 maggio 2011 info e prenotazioni > accomodation@ciemmona.org

COMUNICATO STAMPA
versione lunga
CRITICAL MASS INTERPLANETARIA 2011. Ottava edizione
“Unisciti allo sciame di ciclisti in-festanti”!
Torna anche quest’anno la Ciemmona, la grande Critical Mass, che vedrà pedalare sulle strade di Roma migliaia di ciclisti provenienti da tutto il mondo.
Tre gli appuntamenti: venerdì 27 maggio, ore 18, al Colosseo per la Critical Mass; sabato 28 maggio, ore 16 a Parco Schuster (San Paolo), da dove partirà la Ciemmona, e domenica 29 maggio ore 12 al Parco di Traiano per la scampagnata finale.

Critical Mass è nata fra i ciclisti di San Francisco nel 1992 al grido di “Noi siamo il traffico”. Oggi questo evento si svolge mensilmente in più di 500 città del pianeta. Da qualche anno, a Roma si celebra il ciclismo critico interplanetario con questa grande festa.
Critical Mass realizza dal basso ciò che non esiste più nelle nostre città: una strada sicura e silenziosa per camminare, giocare, pedalare; una strada dove pensare, parlare, incontrarsi, in un ambiente comune in cui respirare e crescere.
Riconquistare le metropoli pedalando? Sì, perché è evidente che è dalla città e dai nostri stili di vita che dobbiamo ricominciare. L’illusione che il ben-essere si raggiunga attraverso il ben-avere ha condotto a scelte a dir poco miopi dal punto di vista della sostenibilità. Il risultato è la saturazione catastrofica delle strade, con automobili e scooter sempre più grandi e rumorosi, che divorano sempre più spazio ed energia, che causano incidenti mortali quotidiani, spesso a danno di pedoni e ciclisti.
La bicicletta è leggera, veloce, economica, si ripara facilmente, non inquina, non fa rumore, non ingombra e ha bisogno di un piatto di pastasciutta per muoversi. Pedalando si recuperano relazioni, libertà e gioia del movimento, tempo libero. Si riconquista così l’autonomia e lo spazio che l’automobile ha fagocitato. Inizia sulla bici la liberazione dai costi sociali ed economici provocati dal traffico e dall’inquinamento.
Critical Mass non è una manifestazione. È arte vissuta, celebrazione dell’umano, coniugazione positiva tra disobbedienza civile e festa, azione diretta e sovversiva contro i trasporti privati motorizzati che insanguinano le nostre strade, inquinano la nostra aria e le nostre relazioni sociali, impoveriscono le persone e scatenano le guerre per il petrolio. Critical Mass rivendica l’uso ciclistico delle strade come atto rivoluzionario e necessario, una riappropriazione della strada come spazio sociale e ribellione al neoliberismo.

Press release

CRITICAL MASS INTERPLANETARIA 2011. Ottava edizione
“Unisciti allo sciame di ciclisti in-festanti”!

COMUNICATO STAMPA

La Critical Mass, nata fra i ciclisti urbani di San Francisco nel 1992 al grido di “Noi siamo il traffico”, è arrivata a Roma nel 2003. Da allora anche qui l’ultimo venerdì di ogni mese un assembramento casuale di biciclette si impone all’attenzione delle macchine di Roma – la città europea con più automobili – reclamando le proprie qualità di mezzo di trasporto ecologico e salutare. La Ciemmona, nata per festeggiare il compleanno della Critical Mass di Roma, dal 2004 ha sempre registrato migliaia di partecipanti. Completamente ignorati dai media, anche quest’anno in tantissimi inforcheremo la nostra bicicletta reclamando il diritto ad abitare una città a misura di persone, e non di macchine.

Sostieni il ciclismo urbano, pedala!
:::PRENDI, DIFFONDI E ATTACCHINA

Flyers e Manifesti c/o qualsiasi CiclOfficina Popolare di Roma.
L’elenco completo qui.

:::LOGISTICA

Campeggio Libero c/o CSOA ExSnia Viscosa
con CiclOfficina annessa e cucina in loco da mercoledì 25 maggio 2011 info e prenotazioni > accomodation@ciemmona.org

 

leggi e diffondi il comunicato stampa in versione completa…

Critichella 2011

Anche quest’anno a Napoli il 4 e 5 giugno ci sarà la critichella: occasione per andare a Napoli a giugno subito dopo la ciemmona di fine maggio. Per il momento godetevi manifesto e programma. Maggiori informazioni su criticalmassnapoli.

Il programma

Sabato 4

– appuntamento ore 11 – Piazza del Gesù (Napoli)

– pranzo sociale ore 15 – @Damm, Parco Ventaglieri (via Avellino a Tarsia)

– festa allo Ska ore 20 – musica e aperitivo

N.B: l’accoglienza è prevista al Damm, free camping da venerdì 3

Domenica 5

– velocity partenopea.. ore 06.00 a.m. appuntamento da fissare sabato 5 con i partecipanti.

– picnic al bosco di Capodimonte ore 14. appuntamento “libero” per la partenza in direzione bosco è a Piazza del Gesù alle ore 12.

Come arrivare
in treno: da piazza Garibaldi (Stazione Centrale) prendere metro direzione Pozzuoli e scendere a Montesanto.

Critical mass Napoli

* Ogni primo sabato del mese ore 11.00 Piazza del Gesù, Napoli.
* terzo venerdì del mese ore 18.30 Piazza del Gesù, Napoli.

* Ogni martedì ore 18:30 ad oltranza

Ciclofficina Popolare allo Ska, piazza del Gesù

Prenotazione bici

Scrivi a : prenobici.cmnapoli@gmail.com

—per raggiungere Piazza del Gesù

dalla Stazione Centrale prendere la metro linea 2 e scendere a Montesanto da li proseguire fino a Piazza del Gesù.