Can kids come to the Ciemmona?

Andare in bici è qualcosa che anche un/a bambino/a può imparare, e infatti molti bambini e bambine vanno in bici. Ma allora, possono venire anche loro alla Ciemmona?

Bisogna valutare con grande attenzione.

Non bisogna correre rischi; e bisogna anche che i bimbi si divertano, altrimenti poi odiano le biciclette e voi.

Riding a bike is something even a child can learn to do, and sure enough plenty of kids ride bikes. So, can they come to the Ciemmona too?

Think carefully about this.

You must not take any risks; and the kids have to have fun, too, or they’ll end up hating bicycles and you.

Newborns

Newborns can not ride bicycles, neither their own nor anyone else’s. At most you may entertain them with tales of the Great Ciemmona, among other fairytales.

Toddlers

Now for young children. For a child to travel safely by bike, they must first be able to hold their own head up without any problems whatsoever. Then you can start thinking about cycling with them, but you’ll need a few things:

  • a bicycle
    • with brakes that brake
    • which isn’t falling apart
  • a kiddy carrier
  • a helmet, no, a mini-helmet
  • a seasoned cyclist, that is, a cyclist who
    • knows that with kids on board the bike’s weight changes in quantity AND distribution
    • can cycle a heavy, top-heavy bike
    • remembers not to leave the bike alone when it has passengers
    • has a good bicycle repair kit
  • drinking water (lots!)
  • food (quite a bit!)
  • the right little clothes, usually including
    • a kid-sized wind jacket
    • a scarf or kerchief
  • if it’s sunny out, suncream!

And you’ll need to understand that kids have rights too, and that in addition to their everyday rights, kids at the Ciemmona have at least 4 extra ones:

  • the right not to risk getting one’s feet caught in the spokes
  • the right not to get bashed in the face with backpacks
  • the right not to have to try out every pothole personally
  • the right to be able rest one’s head to sleep without it dangling around

Sheesh! So many things to know! But here come some pearls of technical wisdom to help you on your way!

Let’s start with the kiddy carrier. They come in several varieties:

  • accessories that can be adapted for use with any normal bicycle
  • trailers
  • special bikes

Generally it’s the first category that’s used. We’re talking about child bike seats here.

Bike seats usually either

  • attach to the rear rack, or
  • hook onto an attachment fixed to the bike frame with steel rods

The rear-mounted ones need a strong, robust bike rack, that is:

  • made to carry a certain number of kilos (if this number isn’t written either on the rack or in the instruction manual, the rack isn’t tough enough!)
  • made to allow mounting of the seat at the right distance from the saddle, not too far forward (otherwise the child will have to travel with their head to one side if they want to see anything that’s not a bottom, or to avoid getting a full backpack in the face)

Those with the steel attachments:

  • also have a weight limit
  • usually need specific rods and attachments, depending on the bike frame
  • absorb the vibrations from the road, but only up to a point!

The seats may be:

  • fixed-back
  • reclinable

The reclinable ones are obviously more comfortable for sleeping. Either way, no child seat alone can hold a sleeping child’s head, you’ll need a cushion! And you’ll need some way to attach the cushion so as not to lose it

  • neither while it’s in use
  • nor while it’s not.

In practice it usually gets attached to the headrest of the seat.

Little (but not SO little) girls and boys

They can hop on the rear rack, if it’s strong enough, but only if there’s a bike seat with footrests and a backrest.

If you use the rear rack without a seat, you risk them

  • putting their heels in the spokes as they try to hold on better with their legs
  • falling off backwards when their little arms get tired of holding on.

Historically these kids have often travelled on the crossbar of the bike, but if you don’t want it to be a nightmare for your kid, you must

  • use a wheel cover so no little feet get in the spokes
  • find a way to make the crossbar soft to sit on

Big little girls and boys

Now you may be asking yourself: but if my child is whoppingly big and has their own bike, why on earth should I (who am extreeeeeeeeeeeemely old) have to carry them?

Well, big kids can actually cycle their own bikes at the Ciemmona, but they must be guaranteed to be SAFE, HEALTHY and HAPPY.

This basically means that:

  • a child on their own bike, who’s pedalling happily along, must be escorted at all times; they must never go near any of the motor vehicles which surround the Critical Mass (this also means they won’t hear certain comments from frustrated drivers)
  • a child on their bike must be able to drink more than a child passenger (bring more water!)
  • a child on their bike must be able to eat more than a child passenger (bring more food!)
  • a child on their bike must be able to sweat more than a child passenger (don’t let them catch cold!)
  • a child on their bike must be able to go at their own pace.

The bit about child cyclists going at their own pace means that if they go slowly and whoever’s escorting them gets cut off from the Ciemmona which has gone too far ahead:

  • you’re not allowed make them hurry up!

and so there’s basically ONLY ONE WAY to keep the kid in the Ciemmona, and it is this….

(a short pause for SUSPENSE….)

Ready? Here it is!

  • you STOP (yes, that’s right! you need to brake! brake!!!)
  • you LOCK the kid’s bike to a pole, so you can come find it later (later! not now!!!)
  • you place the kid ON AN ADULT’S BIKE which you’ve prepared earlier (don’t cheat and skip these part, you won’t just find all the bits you need lying around when the time comes!)
  • you DECIDE WITH THE GROUP around you about how best to catch up with the rest and get back in the Ciemmona.

Inner children

There’s one more kind of kid which there are many of at the Ciemmona… these are inner children. Thankfully it’s not difficult to bring these with you! To be honest if you come to the Ciemmona they’re probably the ones who are bringing you.

The bicycle carries children all the way to adulthood, but even to adults it brings back the happiness of childhood.

And now?

If after reading all this, you think no, it’s not wise to bring kids to the Ciemmona, don’t be sad. Maybe a free, fair and happy future isn’t quite ready yet…in the meantime we’ll keep pedalling towards it.

If after reading all this, you think yes, you could come the Ciemmona with kids, remember to fix up your bicycles properly and do all the test-runs you need in some nice park, far away from traffic!

Neonati

I neonati non vanno in bicicletta, né la loro né quella degli altri. Al massimo potete intrattenerli raccontandogli la storia della Grande Ciemmona, in mezzo a tutte le altre.

Bambini e bambine

Passiamo ai bambini e bambine. Per trasportare un bimbo in bici, bisogna che sia capace di tenere la testa da solo, senza nessunissimo problema. A questo punto si può iniziare a pensare di trasportarlo, ma tra il dire e il fare, bisogna avere

  • una bici
    • con freni frenanti
    • che non perda i pezzi!
  • un portabimbo
  • un casco anzi un caschetto
  • un/a ciclista provetto/aovvero
    • che ha capito che caricando bimbi il peso della bici cambia sia per quantità che per distribuzione!
    • che riesca a guidare una bici pesante e col peso in alto
    • che si ricorda quando la bici è carica di non allontanarsi mai
    • che porta con sé un bel kit di riparazione della bici
  • acqua da bere (tanta!)
  • cibo (abbastanza!)
  • vestitiniadatti, di solito
    • una giacchina a vento
    • un fazzoletto o una sciarpa
  • se il sole scotta, crema solare!

e capire bene che anche i bambini hanno dei diritti, e che in aggiunta ai diritti normali i diritti dei bambini alla Ciemmona sono almeno questi:

  • Non Rischiare Di Mettere I Piedi Nei Raggi
  • Non Prendersi Zainate In Faccia
  • Non Essere Obbligato A Recensire Tutte Le Buche Della Strada
  • Poter Dormire Poggiando La Testa Senza Che Ciondoli.

Ohibò! Quante cose da sapere! Ma ecco in soccorso qualche raggio di saggezza tecnica che vi permetterà di… svoltare!

Iniziamo coi portabimbi. Possono essere di vari tipi:

  • accessori adattabili a una bici generica
  • traini
  • bici speciali.

Di solito si usano degli accessori adattabili a una bici generica, e più esattamente dei seggiolini.

I seggiolini di solito

  • o si appoggiano e si fissano sul portapacchi dietro
  • o si innestano e si agganciano in un attacco fissato al telaio della bici, tramite degli steli d’acciaio.

Quelli sul portapacchi hanno bisogno di portapacchi robusti, e cioè:

  • fatti per portare un certo numero di Kg (questo numero è scritto o sul portapacchi o nel suo libretto di istruzioni, se non è scritto il portapacchi non è robusto!);
  • fatti per permettere di montare il seggiolino alla giusta distanza dalla sella, ossia non troppo avanti (sennò il bambino per vedere qualcosa di diverso da un fondoschiena e magari difendersi da uno zaino pieno che gli sbatte in faccia, deve viaggiare sempre col collo girato!)

Quelli con gli steli d’acciaio

  • hanno anche loro un numero di Kg che possono portare
  • richiedono di solito attacchi e steli specifici a seconda del telaio
  • ammortizzano le vibrazioni della strada, ma entro certi limiti!

I seggiolini possono poi essere:

  • a schienale fisso
  • reclinabili.

Quelli reclinabili sono ovviamente più comodi per dormire. Tuttavia, nessun seggiolino riesce da solo a tenere la testa di un bimbo che dorme: bisogna pensare a un cuscino! e anche al modo di sistemare il cuscino senza perderlo per strada

  • né quando lo si usa
  • né quando non lo si usa.

In pratica di solito lo si attacca agli spallacci del portabimbi.

Bambini ragazzini e bambine ragazzine

Passiamo ora al caso di bambini ragazzini e bambine ragazzine.

Possono salire sul portapacchi dietro, se è robusto, ma solo se sul portapacchi c’è un seggiolino con poggiapiedi e schienale.

Usando il portapacchi senza seggiolino infatti si rischia:

  • che mettano i talloni nei raggi mentre cercano di tenersi meglio colle gambe
  • che scivolino all’indietro perché le braccine si stancano di tenerli.

Storicamente questi bambini possono viaggiare anche sulla canna della bici, però per evitare che la storia storica diventi solo una brutta storia bisogna:

  • mettere un copriruota alla ruota davanti per evitare che vadano i piedi nei raggi
  • inventarsi qualcosa per far sedere il bimbo o la bimba sul morbido.

Gigantelli e gigantessine

A questo punto direte voi: ma se il mio bimbo è un gigantello, la bimba mia è una gigantessina, hanno pure la bici loro, perché mai dovrei portarli io (che sono mooolto più anziano/a)?

In effetti un bambino cresciuto può viaggiare sulla sua bici, ma bisogna comunque garantirgli che viaggerà SANO, SALVO e FELICE.

Questo significa in pratica che:

  • un bambino sulla sua bici, che pedala allegramente, va scortato: non deve mai essere vicino ai veicoli a motore che ci sono attorno alla Ciemmona (questo gli eviterà anche di sentire il linguaggio di certi automobilisti un po’ frustrati).
  • un bambino sulla sua bici deve poter bere di più di un bambino trasportato (portare più acqua!)
  • un bambino sulla sua bici deve poter mangiare di più di un bambino trasportato (portare più cibo!)
  • un bambino sulla sua bici deve poter sudare di più di un bambino trasportato (non fargli prendere freddo!)
  • un bambino sulla sua bici deve poter andare al suo ritmo.

Questa faccenda che un bambino sulla sua bici deve poter andare al suo ritmo vuol dire che se va piano e chi lo sta scortando resta fuori dalla Ciemmona che è andata troppo avanti:

  • non si può obbligarlo a spicciarsi!

e quindi c’è praticamente SOLO UN MODO perché il bambino resti nella Ciemmona, ed è questo.

(piccola pausa per la SUSPENCE…)

Pronti? Ecco il modo!

  • CI SI FERMA (sì, avete letto bene! tocca frenare!!! frenate!!!)
  • SI LEGA la bici del bimbo a un palo, per tornare a cercarla in un altro momento (dopo! non subito, dopo!!!)
  • si fa accomodare il bimbo SULLA BICI DI UN ADULTO che avete preparato PRIMA (non fate troppo i furbi! i pezzi per queste preparazioni mica si trovano sul posto!)
  • CI SI METTE D’ACCORDO col gruppo che sta intorno su come muoversi per raggiungere gli altri e rientrare nella Ciemmona.

Bambini dentro

C’è ancora un tipo di bambini che è molto presente alla Ciemmona… sono i bambini dentro. Questi non sono difficili da portare alla Ciemmona! Anzi se venite alla Ciemmona probabilmente sono loro che vi ci portano.

La bicicletta trasporta i bambini all’età adulta, ma riporta anche ai grandi la felicità dell’infanzia.

E ora?

Se dopo aver letto tutto questo pensate che no , non è prudente venire alla Ciemmona con bambini, non rattristatevi. Magari un futuro libero, solidale e felice non è ancora pronto… ma intanto pedaliamo in quella direzione.

Se dopo aver letto tutto questo pensate che , potreste venire alla Ciemmona con bambini, ricordatevi di sistemare bene le biciclette e fare tutte le prove che servono in qualche bel parco, lontano dal traffico!

Leave a Reply